IMG_20190425_115409

Emergenza COVID-19 e viticoltura: abbassare le rese per tutelare le denominazioni

Trento, mercoledì 1 aprile 2020

Emergenza COVID-19 e viticoltura: abbassare le rese per tutelare le denominazioni

Anche il sistema vitivinicolo trentino – come l’intero comparto agricolo locale e nazionale – sta subendo pesantemente gli effetti dell’emergenza COVID-19. Al calo dei consumi legati alla chiusura di bar e ristoranti, agli impedimenti nel reclutamento
della manodopera e alle difficoltà finanziarie delle aziende, si aggiunge un problema che emergerà con tutta la sua forza in vista della prossima vendemmia, legato alle giacenze di prodotto e più in generale alla tutela delle denominazioni. Per questo
motivo il Consorzio Vignaioli del Trentino ha deciso di scrivere all’Assessore all’Agricoltura Giulia Zanotelli e al presidente del Consorzio Vini del Trentino Pietro Patton.

“Visto quanto sta accadendo in queste settimane, e considerato che il ritorno alla normalità non sarà immediato, è certo che tutte le aziende vitivinicole dovranno fare i conti con le giacenze di prodotto delle passate vendemmie. Il rischio concreto” scrive
Lorenzo Cesconi, presidente del Consorzio, “è che un eccesso di offerta sulla domanda, e contemporaneamente una prolungata stagnazione della domanda connessa anche al regime ridotto cui sarà costretto il canale ho.re.ca., possa portare ad un’ulteriore riduzione dei prezzi, tanto delle uve quanto del vino trentino”. L’emergenza in corso, dunque, rischia di amplificare ulteriormente una serie di problematiche che i Vignaioli evidenziano da tempo.

“La nota positiva è che siamo nella fase iniziale della stagione agraria, e che si è quindi ancora in tempo per ricalibrare la produzione”, prosegue Cesconi. “A nostro avviso si rende quindi necessario un provvedimento d’urgenza finalizzato alla riduzione della resa massima di uva a ettaro e della relativa resa di trasformazione in vino, allo scopo di conseguire un migliore equilibrio di mercato. Certi che la funzione di tutela delle denominazioni passi anche dalla tutela del livello dei prezzi – a nostro avviso già
troppo bassi, per quanto riguarda il Trentino – la proposta che avanziamo è quella di prevedere sia per le DOC che per le IGT un taglio orizzontale tra il 20% e il 30% delle rese, al contempo vietando la produzione di superi”.

I Vignaioli ritengono che, di fronte alla forte competizione sui prezzi che si determinerà sui mercati, il Trentino debba rispondere puntando sulla qualità e sull’aumento della reputazione delle sue denominazioni. La proposta del Consorzio Vignaioli del Trentino si inserisce nel contesto dell’emergenza in corso ed è quindi riferita all’annata 2020. “Ma riteniamo”, conclude
Cesconi, “che questo frangente possa rappresentare l’occasione per lavora assieme ad un coraggioso rilancio del nostro settore, avviando un nuovo percorso di dialogo e confronto tra le categorie e tra queste e le Istituzioni, per mettere in campo politiche
strutturali e di sistema”.